LIGHT STUDIO

Studio di progettazione nella campagna bolognese

 

 

 

 

info di progetto

Il recupero e la ristrutturazione di un edificio incluso nell’ambito di una pregevole corte colonica della campagna bolognese, offre l’occasione per una riflessione sul rapporto di possibile coesistenza tra eredità della tradizione locale ed innovazione dei linguaggi architettonici contemporanei.
All’interno di una porzione dell’edificio su strada trova collocazione la nuova sede per uno studio di progettazione.
Il progetto prevede in particolare l’inserimento di due blocchi “funzionali” contenenti i servizi, concepiti come “oggetti” posizionati all’interno dello spazio preesistente. In questo senso i nuovi elementi aggiunti che suddividono e strutturano lo spazio sono concepiti come entità indipendenti dal recinto strutturale delle murature portanti.
Al piano terreno un unico grande spazio fluido è ripartito in ambiti conclusi da piani di vetro opalino; grandi superfici semitrasparenti, in parte mobili, che consentono di disegnare ingresso, sala d’attesa, sala riunioni e studiolo per mezzo di quinte luminescenti; diaframmi permeabili che assorbono e diffondono la luce naturale mescolandola continuamente, in un gioco di alternata supremazia, a quella artificiale che piove dagli apparecchi illuminanti sospesi.
Il colore chiaro delle pareti, la presenza diffusa del vetro ed il pavimento in battuto di cemento lucidato conferiscono allo spazio qualità tattili e metamorfiche; la sala riunioni, avvolta da riflessi, bagliori e luminosità gentili, fa propri i cambiamenti meteorologici restituendoli agli abitanti sotto forma di differenti e mutevoli “allestimenti atmosferici”.
Le pareti guadagnano spessore per accogliere dotazioni e strumenti di lavoro; impianti tecnici e strumentazione tecnologica scompaiono fra scrivanie simili a cubi di legno. Il contatto fra superfici e materiali diversi è risolto nella tensione degli avvicinamenti, delle fughe e dei “vuoti tecnici” intagliati da profili metallici. La luce naturale penetra dalle finestre perimetrali e da aperture praticate sulla copertura a falde; lo spazio, luminoso ed ammorbidito dalla presenza dominante del legno, offre agli abitanti un ambiente di lavoro gradevole e percettivamente interessante.

 
Web Privacy Policy